.
Annunci online

  vulcanochimico [ chi ben comincia .... ]
         


 "Piante di Iris"-Vincent Van Gogh

    


"Appoggiata alla luna"

di Maria Rosaria Perrone
-Pensa Editore-



 



Disclaimer

"Ci sono il noto e l'ignoto,
e in mezzo ci sono le porte"
-J.Morrison-

"Possono raccontarci tante bugie
e farle passare per verità,
Align Left
ma solo ciò che avviene
nella realtà
dei fatti è verità"
-Vulcanochimico
-

Ricevuto da:Irlanda

Ricevuto da: Heavenonearth,
Salvatore Sblando

Ricevuto da: Andrezej,
Donatodisanzo,Terzostato.
Valigetta



 


Wikio
 


BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

 

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog


4 dicembre 2006

Dei e Miti...Greci... Io

Io la bella figlia di Inaco,era sacerdotessa di Era. Zeus vedendola se ne innamorò perdutamente,ma a suo modo.Dapprima le invio dei sogni conturbanti, Io chiese consiglio al padre,il quale mandò dei delegati agli oracoli di Delfi e di Dodona,per conoscere il significato di quei sogni.Purtroppo negli indecifrabili responsi nessuno comprese nulla,finchè Zeus non palesò la sua volontà a Inaco:desiderava che mandasse via di casa Io perchè vagabondasse per il mondo.Se Inaco non avesse obbedito,Zeus,con la sua folgore lo avrebbe distrutto insieme alla sua famiglia.Inaco fu così costretto ad obbedire.Lasciata sola a se stessa,Io fu facile preda di Zeus,il quale mentre approfittava di lei,per non essere visto dalla gelosa Era,cambiò il giorno con la notte.Ma Era non cadde nella trappola,notando quella notte "posticcia",intuì che ci fosse la mano di Zeus. Appena Zeus fu scoperto trasformò Io in una bella giovenca bianca,giurando ad Era che quella giovenca non aveva niente a che fare con Io.Era non credette a Zeus e gli chiese ed ottenne il permesso di prendere la giovenca e affidarla ad Argo perchè la vigilasse.Ma Zeus chiese ad Ermes di uccidere Argo e liberare Io:questo purtroppo non servì a molto perchè Era mandò un insetto tedioso a pungere la giovenca,che per il tormento fuggì via passando per il Concaso e l'India fino a  giungere sfinita l'Egitto.Zeus, impietosito,chiese perdono ad Era,pregandola di dare a Io le sue sembianza umane. Io rimase in Egitto dove partorì Zeus Epafo.
                              Un saluto e un buon inizio di settimana a tutti ...
                                                       -Vulcanochimico-




permalink | inviato da il 4/12/2006 alle 0:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa


sfoglia     novembre        gennaio
 


Ultime cose
Il mio profilo



APPUNTI COSPARSI SU TEMI SPARSI
LECCELLENTE
OMBRACHECAMMINA
POCHIMABUONI
GRUPPOFOTOGRAFICO GAIRO'
POESIE E DINTORNI
MESLIER
POVEROBUCHARIN
IL_DITO_NELLA_PIAGA
SHAMALBLOG
PAOLO BORRELLO
ACCHIAPPAMOSCHE
LUPOSORDO
MARALAI
VOLIPINDARICI
KURTZ
PINOCOMUNE
DONATODISANZO
HEAVENON EARTH
GOCCIADIME
POLLONCOMBINAGUAI
FABIOLETTERARIO
IRLANDA
AEGAION
SPECCHIO
DAWOR***
LUIGI
ZADIG
TERZOSTATO
KERMIT
DANDO01
EFESTO
MOKELLA
HDR
L'APEGIULIA
VALIGETTA
SOGNIEBISOGNI
GENTECATTIVA
ES-SENZA
KILOMBO
TALENTOSPRECATO
REDLINE3
MARLA
FABIO.EVERGREEN
ROSSOANTICO
GALATEA
SHAMAL
DILWICA
GALILEO
POET@NDO
EVAKANT E DIABOLIK
LECCEPRIMA
BRINDISISERA
PANEACQUA


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom