.
Annunci online

  vulcanochimico [ chi ben comincia .... ]
         


 "Piante di Iris"-Vincent Van Gogh

    


"Appoggiata alla luna"

di Maria Rosaria Perrone
-Pensa Editore-



 



Disclaimer

"Ci sono il noto e l'ignoto,
e in mezzo ci sono le porte"
-J.Morrison-

"Possono raccontarci tante bugie
e farle passare per verità,
Align Left
ma solo ciò che avviene
nella realtà
dei fatti è verità"
-Vulcanochimico
-

Ricevuto da:Irlanda

Ricevuto da: Heavenonearth,
Salvatore Sblando

Ricevuto da: Andrezej,
Donatodisanzo,Terzostato.
Valigetta



 


Wikio
 


BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

 

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog


11 aprile 2007

I Fiori raccontano...La potenza del pensiero intenso...


La viola del pensiero è originaria dell'Europa occidentale,in Italia è abbastanza diffusa;è detta anche viola tricolore perché la sua corolla presenta petali di tre colori. Fu il fiore simbolo dell'Impero Napoleonico, veniva usata come segno di riconoscimento tra i sostenitori dell'imperatore.Con i cataplasmi delle sue foglie fresche schiacciate si può usare l’infuso per favorire la cicatrizzazione di piccole ferite,invece il decotto dei fiori nel latte è ottimo come ammorbidente della pelle delle mani e del viso. Intorno a questo fiore si raccontano molte  leggende una di esse narra che un giorno Demetra, dea della terra coltivata e delle messi, si accorse che le era stata rapita la figlia Persefone. Disperata vagò nove giorni e nove notti per tutta la terra, finché scoprì che Persefone era stata rapita da Ade, il dio che regnava nelle regioni buie d'oltretomba. Demetra si  disperò al punto che  tutta la terra diventò grigia e sterile. Finalmente Zeus convinse Ade ad un accordo: Persefone sarebbe ritornata ogni anno presso la madre per sei mesi, tra la primavera e l'autunno, per vivere con il marito durante gli altri sei mesi dell'anno. Demetra, placata, ritornò all'Olimpo e la terra fu di nuovo fertile e feconda. Quando, all'inizio della Primavera, Persefone tornò per la prima volta tra i vivi, la terra l'accolse  creando per lei del fiorellini nuovi, festosi e delicati, vellutati come i suoi occhi, dei veri "pensieri d'amore" e inventò le "viole del pensiero". Da allora esse ritornano puntuali ogni anno, a Primavera, per festeggiare Persefone che ritorna sulla terra. La viola del pensiero fu citata anche da Shakespeare in “Sogno di una notte di mezza estate”che attribuì al fiore virtù di filtro d'amore,pozione che fece innamorare Titania,la regina delle fate.Questo fiore minuto e lussureggiante evoca da sempre tanti sentimenti,rappresenta la potenza del pensiero amoroso,intenso,romantico:” pensa sempre a me”,” io penso sempre  a te”,pertanto è il simbolo del ricordo ed è un fiore adatto per essere regalato in occasione degli anniversari.
–Vulcanochimico-
Un saluto e un abbraccio sincero a tutti...A presto




permalink | inviato da il 11/4/2007 alle 23:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (15) | Versione per la stampa


sfoglia     marzo        maggio
 


Ultime cose
Il mio profilo



APPUNTI COSPARSI SU TEMI SPARSI
LECCELLENTE
OMBRACHECAMMINA
POCHIMABUONI
GRUPPOFOTOGRAFICO GAIRO'
POESIE E DINTORNI
MESLIER
POVEROBUCHARIN
IL_DITO_NELLA_PIAGA
SHAMALBLOG
PAOLO BORRELLO
ACCHIAPPAMOSCHE
LUPOSORDO
MARALAI
VOLIPINDARICI
KURTZ
PINOCOMUNE
DONATODISANZO
HEAVENON EARTH
GOCCIADIME
POLLONCOMBINAGUAI
FABIOLETTERARIO
IRLANDA
AEGAION
SPECCHIO
DAWOR***
LUIGI
ZADIG
TERZOSTATO
KERMIT
DANDO01
EFESTO
MOKELLA
HDR
L'APEGIULIA
VALIGETTA
SOGNIEBISOGNI
GENTECATTIVA
ES-SENZA
KILOMBO
TALENTOSPRECATO
REDLINE3
MARLA
FABIO.EVERGREEN
ROSSOANTICO
GALATEA
SHAMAL
DILWICA
GALILEO
POET@NDO
EVAKANT E DIABOLIK
LECCEPRIMA
BRINDISISERA
PANEACQUA


Blog letto 3208765 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom