.
Annunci online

  vulcanochimico [ chi ben comincia .... ]
         


 "Piante di Iris"-Vincent Van Gogh

    


"Appoggiata alla luna"

di Maria Rosaria Perrone
-Pensa Editore-



 



Disclaimer

"Ci sono il noto e l'ignoto,
e in mezzo ci sono le porte"
-J.Morrison-

"Possono raccontarci tante bugie
e farle passare per verità,
Align Left
ma solo ciò che avviene
nella realtà
dei fatti è verità"
-Vulcanochimico
-

Ricevuto da:Irlanda

Ricevuto da: Heavenonearth,
Salvatore Sblando

Ricevuto da: Andrezej,
Donatodisanzo,Terzostato.
Valigetta



 


Wikio
 


BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

 

Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog


15 luglio 2008

I Fiori Raccontano...La Diffidenza


-"Fanciulle con oleandro"G.Klimt-

L’oleandro il cui nome botanico è Nerium Oleander, appartiene alla famiglia delle Apocynaceae ed è originario dell’Asia. La pianta è un arbusto sempre verde e i fiori semplici, semidoppi e stradoppi, con colori che vanno dal bianco al rosso cupo, passando attraverso sfumature avorio, rosate o arancio, sono delicatamente profumati. Ogni fiore si apre con il sole a metà mattina e si richiude a metà pomeriggio; con il tempo cattivo rimane chiuso e dura solo pochi giorni L’oleandro cresce spontaneamente, ma viene diffusamente coltivato per le sue caratteristiche ornamentali. E' utilizzato soprattutto nelle alberature di città costiere a clima mite e sulle nostre autostrade. La velenosità per l’uomo e gli animali dell’oleandro era nota sin dall’antichità, contiene, infatti, alcaloidi e glucosidi tossici in particolare l’oleandrina e il neroside che se ingeriti provocano tachicardia con aumento della frequenza respiratoria. Si possono anche determinare delle dermatiti da contatto solo toccando foglie e fiori. Si racconta che diversi soldati delle truppe napoleoniche morirono per aver imprudentemente mangiato carne, che era stata arrostita su spiedi ottenuti con legno di oleandro durante le campagne militari in Italia. In India l’oleandro è considerato un fiore tombale, una leggenda narra che le eroine che morivano suicide si cingevano il capo con una corona di fiori di oleandro. Nel linguaggio dei fiori a causa della sua tossicità simboleggia la diffidenza, la cautela.-Vulcanochimico-


Erigone, Aretusa, Berenice,
quale di voi accompagnò la notte
d'estate con più dolce melodia
tra gli oleandri lungo il bianco mare?
Sedean con noi le donne presso il mare
e avea ciascuna la sua melodia
entro il suo cuore per l'amica notte;
e ciascuna di lor parea contenta.
E sedevamo su la riva, esciti
dalle chiare acque, con beato il sangue
del fresco sale; e gli oleandri ambigui
intrecciavan le rose al regio alloro
su 'l nostro capo; e il giorno di sì grandi
beni ci avea ricolmi che noi paghi
sorridevamo di riconoscenza
indicibile al suo divin morire.
"Il giorno" disse pianamente Erigone
verso la luce "non potrà morire.
Mai la sua faccia parve tanto pura,
non ebbe mai tanta soavità".
Era la sua parola come il vento
d'estate quando ci disseta a sorsi
e nella pausa noi pensiamo i fonti
dei remoti giardini ov'egli errò.
L'udii come s'io fossi ancor sommerso
e la sua voce avesse umido velo.
Ma reclinai la gota, e d'improvviso
tiepida come sangue dalla conca
dell'udito sgorgò l'acqua marina.
Pur, profondando nella sabbia i nudi
piedi, io sentia partirsi lentamente
il buon calor del tramontato sole.
E chi recise all'oleandro un ramo?
Io non mi volsi, ma l'amarulenta
fragranza della linfa della fresca
piaga mi giunse alle narici, vinse
l'odor muschiato dei vermigli fiori.
"O Glauco" disse Berenice "ho sete".
Ed Aretusa disse: "O Derbe, quando
fiorì di rose il lauro trionfale?"(...)
-G.D'Annunzio-
tratto da Alcyone "L'Oleandro"




 



sfoglia     giugno        agosto
 


Ultime cose
Il mio profilo



APPUNTI COSPARSI SU TEMI SPARSI
LECCELLENTE
OMBRACHECAMMINA
POCHIMABUONI
GRUPPOFOTOGRAFICO GAIRO'
POESIE E DINTORNI
MESLIER
POVEROBUCHARIN
IL_DITO_NELLA_PIAGA
SHAMALBLOG
PAOLO BORRELLO
ACCHIAPPAMOSCHE
LUPOSORDO
MARALAI
VOLIPINDARICI
KURTZ
PINOCOMUNE
DONATODISANZO
HEAVENON EARTH
GOCCIADIME
POLLONCOMBINAGUAI
FABIOLETTERARIO
IRLANDA
AEGAION
SPECCHIO
DAWOR***
LUIGI
ZADIG
TERZOSTATO
KERMIT
DANDO01
EFESTO
MOKELLA
HDR
L'APEGIULIA
VALIGETTA
SOGNIEBISOGNI
GENTECATTIVA
ES-SENZA
KILOMBO
TALENTOSPRECATO
REDLINE3
MARLA
FABIO.EVERGREEN
ROSSOANTICO
GALATEA
SHAMAL
DILWICA
GALILEO
POET@NDO
EVAKANT E DIABOLIK
LECCEPRIMA
BRINDISISERA
PANEACQUA


Blog letto 3208756 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom